Nessun commento

Ecobonus 2019: cosa comprende e come averlo!

Ecobonus, già attivo nel 2018, viene rinnovato anche nella manovra di bilancio del 2019. Con questa conferma si cerca di sensibilizzare professionisti e privati a investire in soluzioni ecologiche e sicure per l’ambiente, grazie agli incentivi statali. Ecco tutti i dettagli!

Se abbiamo deciso di ristrutturare casa, la conferma dell’ecobonus non può che farci felici. Ma di cosa si tratta di preciso? Stiamo parlando di una detrazione fiscale che va dal 50% fino al 65% per tutte quelle spese di ristrutturazione compiute per il risparmio energetico e scegliendo materiale ecologico che permette un miglior isolamento e un considerevole risparmio energetico.

Solo per fare un esempio, anni fa era il legno il padrone degli infissi di porte e finestre. Un materiale che non consentiva un buon isolamento, perché facilmente lasciava passare l’aria dall’interno all’esterno e viceversa, rendendo la casa più fredda.

Ma negli ultimi anni abbiamo il PVC come materiale di punta, in grado di conservare il calore all’interno della stanza e garantire così un notevole risparmio energetico. Per questo motivo lo stato incentiva l’uso di questo ed altri materiali fortemente isolanti, che non solo permettono un netto risparmio, ma sono anche ecologici.

Ecobonus al 65%

La detrazione IRPEF al 65% invece è riservata solo a chi decide di acquistare una caldaia con una di queste caratteristiche:

  • Caldaia a condensazione ad alta efficienza;
  • Collettori solari per la produzione di acqua calda;
  • Sistemi di building automation;
  • Interventi di coibentazione.

Tutte queste caldaie di ultima generazione consentono la diffusione del calore con un sistema più efficace e rispettoso dell’ambiente, perché permette il raggiungimento della giusta temperatura in poco tempo e senza spreco.

Erogazione e altre detrazioni

L’Ecobonus viene erogato in dieci rate annuali detraibili dall’IRPEF, con un tetto massimo che può andare dai 30.000 ai 100.000€, calcolato in base alla tipologia di ristrutturazione effettuata.

Inoltre nella manovra di bilancio sono state inserite anche altre agevolazioni che possono darci una mano:

  • Bonus sulle ristrutturazioni finalizzate al restauro, al risanamento conservativo e alla ristrutturazione edilizia;
  • Bonus sull’acquisto dei mobili a chi ha eseguito precedentemente lavori di restauro e di ristrutturazione edilizia di un immobile di proprietà;
  • Bonus verde, per la riqualificazione urbana da parte di privati e la riqualificazione di terrazzi, balconi e giardini da parte dei condomini;
  • Acquisto di tende da sole, zanzariere e tende anti-insetto dotati di schermature solari (detrazione del 50%);
  • Acquisto e ristrutturazione di infissi e finestre (detrazione del 50%).

Commenti (0)

Translate »