Nessun commento

Rinnovare il bagno con un occhio al portafoglio

Luogo di interminabili pensieri sul senso della vita e di improvvisati canti sotto l’acqua calda, il bagno è l’unica stanza in tutta la casa dove la privacy è al massimo, dove siamo solo noi con noi stessi. E può capitare che tra una lavata e un’aggiustata ai capelli davanti allo specchio, ci rendiamo conto che effettivamente l’ambiente è un po’ vecchio. Il lavandino è arrugginito, le piastrelle non ci piacciono… insomma, abbiamo bisogno di qualcosa di nuovo. Ecco qualche accorgimento per rinnovare il bagno senza però dire addio allo stipendio!

I rubinetti

Incrostati di ruggine, manopole che non girano bene, rivestimento ormai consumato dagli anni… questi e altri sono i problemi che potrebbero affliggere i nostri rubinetti. Partire proprio da questi per il rinnovare il bagno può essere la mossa migliore, perché ci ritroveremo fin da subito a fare una scelta: che stile vogliamo adottare? Oramai esistono rubinetti per ogni gusto: quadrati, tondi, con pulsante, antichizzati, etc… e il doversi ritrovare a scegliere lo stile del rubinetto ci costringerà anche a decidere per lo stile che tutto il bagno dovrà avere nella sua nuova veste. Abbiamo optato per un rubinetto dallo stile moderno? Allora sceglieremo tutto il nostro bagno seguendo proprio quello. In più c’è da dire che la spesa per un rubinetto (anche il più futuristico), non supera generalmente le 50 €, quindi è un buon punto di partenza anche per il nostro portafoglio.

Le piastrelle

Alziamo l’asticella, soprattutto quella del prezzo e passiamo alle piastrelle. Potremmo ritrovarci a volerle cambiare perché magari sono vecchie e spezzate o ancora si sono scollate dal muro per colpa della tanta umidità che segue ogni nostra doccia calda. In base a quella che è la nostra situazione, le soluzioni possono essere diverse e vanno da un ripiastrellamento totale con mattonelle che seguono lo stile che abbiamo scelto, alla scelta di quelle piastrelle molto sottili create apposta per essere applicate sul precedente strato, ridonando al bagno un nuovo look senza dover tirare fuori gli attrezzi da muratore.

Per quanto riguarda l’umidità, la prima cosa da fare sarà sicuramente quella di ridipingere le parti di muro non piastrellate e acquistare un deumidificatore, essenziale sopratutto nelle famiglie numerose.

La doccia

Spesso nelle vecchie case capita di trovare la vasca, che per quanto possa essere comoda per rilassarsi durante un bel bagno, è decisamente antiestetica e molto ingombrante rispetto all’ormai diffusissimo box doccia. Anche qui ci tocca alzare un po’ il prezzo, perché per sostituirla dovremo chiamare una ditta specializzata. Solitamente il lavoro però non richiede molto tempo (al massimo un paio di giorni) e i prezzi non sono mai eccessivi. In più le ditte che fanno questa sostituzione si occupano anche di rivestire tutta la parte del bagno precedentemente occupata dalla vasca, in modo da non far vedere il distacco nello spazio lasciato vuoto.

Gli accessori

E chiudiamo l’articolo con gli elementi di arredo che ci costeranno di meno in assoluto. Se non vogliamo togliere la vasca (o abbiamo già il box doccia), non vogliamo sostituire le piastrelle e rubinetti, un buon modo per dare comunque una nuova “aria” al nostro bagno è sicuramente quello di cambiarne l’arredamento. Il bagno ha un pavimento che non ci piace ma non vogliamo sostituirlo? Allora potremmo scegliere un bel tappeto; ma gli accessori da sostituire possono essere tanti, da una nuova tenda per la doccia all’aggiunta di piante e lanterne o una nuova cornice per lo specchio. Insomma, per rinnovare il bagno così sarà solo la nostra fantasia a fare da padrona!

Commenti (0)

Translate »